Crea il tuo CV in 3 passaggi

Inserisci i tuoi dati, scegli un template e scarica il tuo CV. Facile e veloce – pronto in 10 minuti. Inizia subito!

Creare un CV
Aggiungere Linkedin nel tuo curriculum: scopri perché è indispensabile per trovare lavoro più facilmente.

Linkedin nel curriculum vitae

Saltiamo subito alle conclusioni, prima di articolare: sì, è fondamentale aggiungere LinkedIN nel Cv, per tutta una serie di motivi tra cui, come vedremo, il fatto che grazie ad un link sempre attivo un recruiter potrà essere sempre aggiornato su di te e potrà conoscerti meglio rispetto a quanto riuscirebbe a capire se inviassi un semplice cv senza collegamento al social network per professionisti. 


Linkedin per cercare lavoro online

Se fino a qualche decennio fa gli unici dettagli da inserire necessariamente sul curriculum vitae erano quelli anagrafici e le proprie esperienze lavorative , oggi è di fondamentale importanza, almeno per un certo tipo di professioni, inserire quante più informazioni possibili. Laddove possibile è necessario inserire i link ai propri account social, per esempio se ci si candida per un lavoro nel marketing online, o al proprio account su Linkedin, nel caso in cui ci si candidi per un lavoro da ufficio.


L'importanza di Linkedin in fase di recruiting

Non è possibile racchiudere l'importanza di Linkedin in poche frasi e liquidarla velocemente. Nato come social network di nicchia e solo per professionisti attivi online, oggi Linkedin è una grande piattaforma dove non solo si incontrano domanda e offerta ma dove si resta aggiornati e, soprattutto, dove si costruisce una vera e propria vetrina personale da mostrare non solo in fase di ricerca lavoro ma anche come biglietto da visita. 


Non sono solo le esperienze ad essere registrate su Linkedin ma il valore aggiunto sono le interazioni e i feedback lasciati da chi ha avuto a fare con un professionista: le classiche referenze telefoniche , oggi sono spesso affidate al Web e proprio a Linkedin.


Oggi, chi deve essere presente su Linkedin e perché? 

La presenza o meno su Linkedin non è legata strettamente alla propria qualifica professionale mentre è legata al lavoro che si svolge o a quello che si sta cercando la partecipazione attiva nel network. 


Due esempi concreti

  • Quando Linkedin è necessario

Cerchiamo di chiarire: un direttore di marketing, con un lavoro a tempo pieno o alla ricerca di un lavoro, deve essere costantemente attivo su Linkedin, partecipare ai gruppi relativi alla sua professione, interagire con altri professionisti del suo settore, postare aggiornamenti. In questo modo, dimostrerà di avere perfetta padronanza del mezzo e di poter gestire un network di relazioni, traendone spunti e benefici. 


  • Quando Linkedin potrebbe non essere necessario

Meno efficace e utile potrebbe essere Linkedin per chi lavora in altri settori: se prendiamo come esempio di figura professionale un macellaio, ci rendiamo subito conto che per questo professionista essere presente su Linkedin non è un imperativo categorico e, soprattutto, non è detto che la presenza su questo social network possa portargli benefici. 


Questo perché ci sono professioni per le quali la fase di recruitment è effettuata in maniera classica, e non tiene conto di sovrastrutture esterne come per esempio la presenza online.


Quando inserire il collegamento a Linkedin sul proprio cv?


Il mio credo e il mio obiettivo è che ogni professionista dovrebbe stare su un sevizio come LinkedIn


Sono queste le parole con cui Reid Hoffman, fondatore di Linkedin, presentava la sua piattaforma, rendendola accessibile a milioni di persone in tutto il mondo.


Linkedin offre una chance in più per trovare lavoro se unito ad un curriculum vitae classico.


Se per alcuni professionisti Linkedin è necessario, per altri è opzionale. Ma, proprio in quanto opzionale, perché non utilizzarlo come vetrina? 


Ricorda: Un link al tuo profilo su Linkedin ti può offrire una chance ulteriore di successo in fase di prima selezione, mettendoti in una posizione di vantaggio rispetto agli altri candidati.


A cosa serve il link al profilo Linkedin sul curriculum?

Un curriculum vitae ben fatto contiene tutte le informazioni sul candidato: dalle anagrafiche alle esperienze professionali, senza dimenticare i riconoscimenti di vario tipo e, ovviamente i contatti come indirizzo email e numero di telefono.


Non si tratta dunque di un documento scarno ma deve contenere le informazioni di base; non può però essere un documento eccessivamente lungo e dettagliato, per evitare che la persona che dovrà leggerlo e selezionare i migliori candidati per una determinata posizione si annoi.


Alla luce di quanto sopra, ecco i motivi principali per cui il profilo Linkedin va inserito nel proprio curriculum vitae: 


  • Per permettere al selezionatore aziendale, qualora ne avesse voglia e bisogno, di raccogliere maggiori informazioni sul candidato;
  • Per raccogliere le referenze in un unico posto: le referenze su Linkedin sono fondamentali in quanto permettono a chi seleziona di avere un'idea sulla persona che si ha di fronte, anche in base a cosa gli altri dicono di questa persona;
  • Per consentire l'accesso ad informazioni sempre aggiornate: aggiungere un link a Linkedin sul proprio cv permette di linkare ad un contenuto sempre aggiornato, anche se il cv rimane per mesi nelle banche dati delle aziende. 


E' fondamentale dunque, qualora si scelga di inserire Linkedin nel proprio curriculum, definire un profilo sul social network che sia completo, appetibile e soprattutto comprensibile anche ad una lettura più veloce.


Come scrivere un profilo perfetto su Linkedin da usare anche sul proprio cv?

Così come è indispensabile compilare un perfetto curriculum vitae classico (e per fare questo CvWizard ti offre tutti gli strumenti del caso!), è allo stesso modo fondamentale che anche il tuo profilo su Linkedin sia perfetto se hai deciso di inserirlo nel curriculum. 


Quando inizi a scrivere il tuo profilo, tieni a mente le seguenti cose:


  • Headline professionale

Un buon headline, contenente gli elementi fondamentali che ti qualificano a livello professionale, è fondamentale per essere notati e per apparire professionali. 


  • La foto

Se alleghi Linkedin al cv, la foto deve essere la stessa o molto simile. Per il tuo scopo, ovvero offrire al recruiter uno strumento di valutazione ulteriore, la foto su Linkedin non è il tuo focus primario ma va comunque evitato l'effetto selfie o l'effetto amatore. 


  • Riepilogo

Un buon riepilogo su Linkedin è indispensabile per permettere a coloro che lo visitano di capire subito quali sono le competenze e le attitudini del candidato. Non serve dilungarsi ma andare dritti al sodo. 


  • Esperienze professionali

Quello che non puoi fare al 100% sul tuo cv cartaceo, ovvero entrare nel dettaglio preciso di tutte le tue esperienze lavorative per evitare di allungarti troppo, puoi farlo su Linkedin.  


Anzi, devi farlo su Linkedin: per ogni esperienza professionali che inserisci, aggiungi la descrizione completa, il tuo apporto, le tue mansioni, i risultati ottenuti e quante più informazioni possibili.


  • Materiali multimediali

Aggiungere materiale multimediale al tuo profilo su Linkedin è un ottimo modo per offrire ulteriori spunti di valutazione: può essere un collegamento diretto alla tua tesi di laurea, ad un progetto che hai curato, ad un articolo che hai scritto, e via dicendo. 


  • Chiedi referenze

Se sul cv cartaceo puoi inserire i nomi delle persone da contattare in caso di bisogno di referenze, su Linkedin puoi chiedere alle persone con cui hai lavorato o ancora lavori delle referenze. Il vero valore aggiunto di Linkedin per chi prepara un curriculum vitae classico sono propri le referenze e le raccomandazioni, che possono essere consultate da tutti. 


E' obbligatorio avere un profilo su Linkedin se si cerca lavoro?

Non esiste una legislazione specifica in materia: come per tutti i dati personali, anche il collegamento diretto alla propria pagina su Linkedin è opzionale ed è a discrezione del candidato, in base a quanto di sè vuole svelare in fase di selezione e anche a quanto confidente si sente in relazione al proprio profilo Linkedin.


La nostra opinione finale

Alla luce di quanto sopra, la risposta alla domanda devo inseire Linkedin nel mio curriculum vitae? è confermata: sì, per fare in modo di presentare una candidatura forte, al passo con i tempi e sempre aggiornata.

Stato civile sul cv: si o no? I pro e i contro per decidere se inserire il proprio stato civile nel cv.

Stato civile sul curriculum vitae

Stato civile sul cv: come decidere se inserirlo o meno? E' importante per un recruiter sapere se siamo sposati, divorziati o single? In questa guida ti aiutiamo a decidere se e quando inserire questa...

Leggi di più »
Siti per trovare lavoro: consigli e informazioni per usarli al meglio.

Siti per trovare lavoro

I siti per trovare lavoro oggi riscuotono grandissimo successo e in alcuni casi sono stati anche in grado di soppiantare le agenzie tradizionali. Per questo, oggi sono il mezzo migliore e più efficace...

Leggi di più »
Foto sul cv: i pro e i contro della foto sul curriculum vitae, da valutare in fase di stesura.

Foto nel cv

Foto sul cv: si o no? Aggiungerla o meno? L'inserimento della foto nel cv è una questione abbastanza complicata e particolare. Nei Paesi Anglosassoni la foto non è quasi mai richiesta e, per ques...

Leggi di più »